header_informazioni_2

Entro il 23 SETTEMBRE 2013 dovrà essere completato l’inserimento dei dati relativi ai singoli revisori iscritti al Registro.

A seguito della circolare M.E.F. n. 34 del 7 agosto 2013 (pubblicata il 26/08/2013) riportiamo alcune note operative per il completamento delle comunicazioni necessarie alla prima formazione del registro dei revisiori legali.  

REGISTRO REVISORI: I CHIARIMENTI DEL MINISTERO

Nell’imminenza della scadenza del termine per inserire i dati richiesti per il completamento dell’anagrafica del Registro dei Revisori legali, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con Circolare n. 34 del 7 agosto 2013 (pubblicata il 26 agosto e reperibile all’indirizzo http://www.revisionelegale.mef.gov.it/opencms/opencms/Revisione-legale) ha fornito alcuni chiarimenti di carattere operativo indirizzati ai propri dipendenti iscritti al Registro che, certamente, sono estensibili a tutti gli iscritti.

a. Termine ultimo per effettuare le comunicazioni è il 23 SETTEMBRE 2013;

b. Gli incarichi da comunicare sono SOLO quelli relativi ad attività di revisione legale effettuati in società di capitali e cooperative. Quindi sono esclusi gli incarichi presso altre entità come Fondazioni, Istituzioni, Comuni, Enti pubblici economici e non, scuole, associazioni.

c. Dovremo inserire le indicazioni delle società cui prestiamo l’attività di revisore legale anche in qualità di sindaco (sia effettivo che supplente) SOLO se il Collegio Sindacale è anche incaricato di svolgere l’attività di revisione legale dei conti.

d. La data di inizio delle attività di revisione legale sarà il primo giorno del primo esercizio del mandato: ad esempio se siamo stati nominati il 30 aprile 2013, inseriremo la data 01/01/2013 (questa indicazione è stata data ad un nostro associato in risposta ad un quesito posto all’ “help desk” della Ragioneria);

e. La data finale sarà il 31 dicembre del terzo esercizio dalla nomina: ad esempio se siamo stati nominati il 30 aprile 2013, andrà indicata la data finale del 31/12/2015.

f. Il corrispettivo da indicare sarà quello determinato dall’assemblea solo per l’attività di revisione legale dei conti. NON andranno sommati eventuali compensi per attività diverse (ad esempio per il rilascio di pareri, attestazioni, perizie, visti di conformità, rimborsi spese …).

g. In caso di Collegio Sindacale, qualora l’assemblea abbia determinato un compenso cumulativo per l’attività di revisione legale, questa cifra andrà indicata per l’effettivo corrispettivo a carico di ogni singolo componente (cioè andrà divisa per tre, salvo diversa pattuizione fra i tre sindaci effettivi).

h. Nel caso di nomina come Sindaco effettivo in cui l’assemblea ha determinato un compenso globale (senza cioè distinzione fra l’attività di revisione legale da quella di collegio sindacale in senso stretto) il nostro parere rimane quello di indicarne il 40% quale corrispettivo dell’attività di revisione legale (tuttavia siamo a conoscenza che alcuni suggeriscono di inserire il totale del compenso deliberato …).

i. Nel caso di nomina come sindaco supplente andrà indicato l’importo “zero”

Resta il dubbio circa il significato del campo subentro, che appare se si indica “collegio sindacale” nel campo ruolo (alla richiesta effettuata da un nostro associato all’ “help desk” non è stata data alcuna risposta). Noi riteniamo che la risposta debba essere generalmente il “no”; a meno che non si tratti di modifica dell’anagrafica in caso di sindaco supplente che subentra come effettivo. Ma è solo una nostra intuizione …